Villa Necchi Campiglio

ENTRA

Un gioiello architettonico

Immersa in un ampio giardino privato con piscina e campo da tennis nel centro di Milano, Villa Necchi Campiglio venne completata nel 1935. Il progetto fu dell’architetto Piero Portaluppi, su incarico della famiglia Necchi Campiglio, membri della ricca ed elegante borghesia industriale della Milano anni Trenta. La disposizione degli spazi interni risponde alla divisione tradizionale delle dimore nobiliari: area giorno al primo piano, stanze da letto al piano superiore, stanze di servizio nel sottotetto e sale da gioco nel seminterrato, insieme agli spogliatoi e bagni per la piscina. La famiglia Necchi Campiglio volle tuttavia allontanarsi dalla tradizione dell’epoca, prevedendo ampie zone destinate al ricevimento degli ospiti e alla socialità: la Sala da pranzo, il Fumoir, la Biblioteca e il Salone. Nel secondo dopoguerra la Villa fu interessata dall’intervento di riallestimento dell’architetto Tomaso Buzzi, che addolcì la linearità dello stile di Portaluppi inserendo elementi d’arredo ispirati al Settecento e in particolare allo stile Luigi XV.

Via Mozart 14, Milano

MM1 Palestro

}

Aperto dalle 10.00 alle 18.00.

Chiuso lunedì e martedì. Ultimo ingresso 17.15.

Intero: € 12,00

ridotto bambini € 4,00 (5-18 anni)
ridotto universitari € 7,00
Iscritti al FAI: gratis
Per prenotazioni consultare il nostro sito.
Accessibilità: info qui.

Case Museo Card € 20,00

Ingresso in tutte 4 le Case Museo

OPERE

NEWS

L’ingresso al Canal Grande con la chiesa della Salute

Antonio Canal detto Il Canaletto, 1731-32
Olio su tela
Collezione Gian Ferrari

Oreste ed Elettra

Giorgio de Chirico, 1923
Tempera all’uovo su cartone
Collezione de’ Micheli

Scrivania da Campo

Bottega di Giovanni Socci (Firenze), primo quarto del XIX secolo
Mogano

Copricalorifero

Piero Portaluppi, 1935
Ottone

Centrotavola con pesci

Alfredo Ravasco, 1930-35
Lapislazzuli, agata e corallo

La stanza di Filippo de Pisis: 5-11 anni

“Mille voci e storie nascoste nella stanza” visita alla mostra Uno spartito musicale abbandonato sul pavimento, il fiore in un vaso, un coltello per la frutta abbandonato sul tavolo vicino ad una canestra piena di mele, oggetti quotidiani che custodiscono mille...

leggi tutto

La stanza di Filippo de Pisis

DA MERCOLEDÌ 3 APRILE A DOMENICA 15 SETTEMBRE 2019 "Roma, 1944. Una stanza colma di arredi e oggetti preziosi, con quadri alle pareti, quasi tutti di un unico pittore, 25 opere: la stanza di Filippo de Pisis. La collezione è l’effetto di un sodalizio virtuoso tra...

leggi tutto

Pin It on Pinterest

Share This